In quali casi viene dichiarata la decadenza dai benefici assegnati? Cosa comporta?

Lo studente viene sottoposto a dichiarazione di decadenza dai benefici assegnati quando:

  • non possiede/mantiene i requisiti previsti per l’ammissione al concorso e per il conseguimento dell’idoneità (requisiti iscrizione, reddito e merito);
  • non provvede all’invio della documentazione relativa ai patrimoni e/o redditi esteri;
  • effettua la rinuncia agli studi entro la data del 31 luglio, indipendentemente dal numero di CFU conseguiti entro tale data.

Il provvedimento relativo alla decadenza viene pubblicato sul sito dell’Agenzia e comunicato via e-mail agli studenti interessati. Un’ulteriore notifica potrà essere segnalata nell’area riservata dello studente.

La decadenza dai benefici comporta la restituzione delle somme eventualmente riscosse relative alla Borsa di Studio, alla Tassa Regionale per il Diritto allo Studio, all’importo eventualmente corrisposto come contributo della Mobilità Internazionale e al valore corrispettivo dei servizi ad essa associati.

Nel caso in cui lo studente ritenga che ricorrano le giuste motivazioni, potrà presentare  istanza di riesame al provvedimento di decadenza in modo che la propria posizione possa essere rivalutata ed eventualmente variata. L’istanza di riesame per la rivalutazione della propria posizione è presentabile SOLAMENTE con riferimento all’atto di decadenza.

In seguito alla pubblicazione dell’atto di decadenza, in assenza di istanza di riesame, l’Agenzia procederà ad individuare, attraverso un atto detto di “contabilizzazione degli importi”, la somma esatta che lo studente è tenuto a restituire, sia in riferimento alla quota di Borsa di Studio percepita, alla Tassa Regionale per il Diritto allo Studio Universitario e all’importo eventualmente corrisposto come contributo della Mobilità Internazionale, sia in riferimento al valore corrispettivo dei servizi abitativi e ristorativi usufruiti. Non è ammessa istanza all’atto di contabilizzazione che possa riguardare la posizione di “decaduto” dello studente, già dichiarata con l’atto di decadenza.

L’eventuale istanza presentata all’atto di contabilizzazione, potrà riguardare esclusivamente la correttezza o meno delle somme richieste. L’esito della contabilizzazione, le modalità e le scadenze con cui le somme potranno essere restituite verranno notificati allo studente tramite raccomandata all’indirizzo di residenza indicato al momento di presentazione dell’istanza online.

Servizi: 
Generali

Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell'Umbria