Mercoledì 3 luglio alle ore 12:00 presso l’ex Monastero di San Benedetto dei Condotti di Perugia è stata inaugurata un’esposizione di tastiere storiche di proprietà dell‘Associazione "Arte & Musica nelle terre del Perugino" e di alcuni prestatori del territorio umbro.

Questa opportunità nasce grazie alla collaborazione tra l'Adisu e l'Associazione, regolata tramite una convenzione in essere, per l'utiizzo dei locali Ex sacrestia da poco restaurati e resi fruibili dal pubblico.

Gli strumenti, come pianoforti, fortepiani e clavicembali del periodo che intercorre da fine ‘700 ai primi decenni del ‘900, potranno esser ammirati per tutto il periodo estivo dal lunedì al venerdì in orari d'ufficio dietro prenotazione.

Il complesso architettonico è proprietà dell’ ADISU  e le prime notizie giunte sino a noi risalgono al XIV, XV secolo, grazie ad alcuni atti notarili nei quali il luogo viene indicato col nome di S. Maria Novella o S. Maria de conductu, o anche de aquae ductum, per via della sua posizione all’inzio dell’antico acquedotto.

Dal 1422 la comunità che vive all’interno di tale monastero entra a far parte dell’ordine agostiniano e da questo momento inizia un periodo di grande fermento artistico e culturale dove pittori di grande fama vengono chiamati per ornare l’edificio. Grazie ad un accurato lavoro di restauro avvenuto durante questi ultimi anni, il luogo ha acquisito maggior visibilità per poi diventare cornice ideale per l’esposizione di una collezione di tastiere storiche di varia provenienza, la quale aiuterà il visitatore a comprendere meglio l’evoluzione dello strumento in un determinato periodo di tempo.

Il percorso verrà presentato da appassionati nonché artisti e studiosi che, attraverso le loro ricerche ed il loro entusiasmo,  coinvolgeranno i visitatori in un singolare tour storico-artistico-musicale alla scoperta di uno degli angoli più suggestivi del territorio perugino.

 

Arte e musica nel territorio del Perugino

Inaugurata la Mostra permanente di tastiere d'epoca

Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell'Umbria